.

.

Nati nel 2008 riportando l'ultima scia della sottocultura britannica trapiantata in Italia.
Fin da subito diventiamo un punto di riferimento per le Curve. Sulle fanzine, impressi nelle foto, il lunedì è caccia ai marchi cuciti sul petto dei supporters in giro per gli stadi d’Italia. E si fa incetta di simboli e colori, tutti indizi che messi insieme consegnano un quadro ben preciso: lo store, che per varietà di generi e disponibilità cresce in fretta.
Gli ultras lo popolano per la maggiore ma non sono gli unici. Chi varca la nostra soglia entra a far parte di una piccola tribù, accomunata dalle stesse idee, dalle stesse passioni: “possono cambiare le bandiere ma non il modo di vestirsi”.
Poi la clessidra si capovolge, i “casual”vestono “casual” non più solo allo stadio ma ovunque.
Allora Tackle si sposta, prima, e poi s'allarga, cerca di mantenere la sua primordiale essenza attraverso una ricerca continua di nuovi brand, meno noti alla massa, nei quali ritrovarsi.
Infine un nuovo store per dare una scossa e nuovo vigore al nostro progetto, con un attenzione maggiore
alle trasformazioni dell'universo casual per rafforzare quel senso di appartenenza, inteso come stile, che ci ha da sempre caratterizzato.                                                                                                                                                                         

0
0